QUOTA 8000

Come 8000? Vai sull’Everest?

So cosa state pensando, ma voglio fermarvi immediatamente: no, non voglio scalare nessuna montagna. Ho a malapena la forma fisica che mi consente di fare i 400 metri che separano casa mia dalla Coop con le borse della spesa piene. Questo dovrebbe già dirla tutta. Con “Quota 8000” non intendo metri o qualsiasi altra unità di misura tradizionale, bensì punti.

Continua a leggere “QUOTA 8000”

PASSIONE E GIOCHI DI GUERRA

Passioni incomprese ed incomprensibili

Ammettiamolo; noi NERD viviamo in un mondo tutto nostro, un mondo in cui è perfettamente normale spendere 149,99€ per la collector’s edition di un gioco, ma totalmente assurdo spenderne 10€ per un ingresso in discoteca. Un mondo in cui è preferibile rintanarsi in casa per interi week-end, passando ore davanti ad uno schermo nel tentativo di finire un gioco, piuttosto che passare un week-end al lago/mare/montagna tra natura incontaminata e uccellini cinguettanti. Un mondo di cui pochi comprendono l’assurda(?!) logica e le complesse macchinazioni mentali che lo regolano.

Continua a leggere “PASSIONE E GIOCHI DI GUERRA”

DINOSAURI CATTIVI CON SPADE SOLUBILI

Si lo so, sono in anticipo con il riassunto settimanale, e in ritardo con il post del giovedì. Ma questa settimana, anche e soprattutto a causa del lavoro, va così. Riprenderemo con i classici post da settimana prossima, in cui parleremo dei regali di Natale. Non vedo l’ora! Continua a leggere “DINOSAURI CATTIVI CON SPADE SOLUBILI”

BLOODBORNE, NON QUELLO VERO

Oh, son felice di fare questo post, una recensione speciale, di quella che sembra la nuova tendenza mondiale: i giochi da tavola! Siamo tornati negli anni ’90? Sembra proprio di si caspita, quando i giochi da tavola erano i padroni incontrastati dell’intrattenimento ludico in compagnia. E oggi, grazie al fallimento dei party game e del progressivo ridimensionamento dei giochi online (ne parleremo in un post più avanti), i giochi da tavola son tornati, più cazzuti e fighi che mai. Continua a leggere “BLOODBORNE, NON QUELLO VERO”