SEKIRO – A PRIMA VISTA

Non sempre la prima impressione è quella giusta

Non si dovrebbe giudicare un libro dalla copertina, non si dovrebbe dare un giudizio prima di averne letto l’ultima pagina. Tante belle frasi, di cui però non teniamo mai conto il valore ogni volta che esce un nuovo gioco. Sekiro, ultima fatica di From Software e di Hidetaka Miyazaki, è già un capolavoro a detta di tutti, nonostante sia uscito “solo” venerdì. Le virgolette sono d’obbligo perchè immagino che ci siano molti videogiocatori che l’hanno già finito, magari due volte. Metacritic ha già dato il suo verdetto, con stampa e utenza che hanno promosso a pieni voti il gioco.

Continua a leggere “SEKIRO – A PRIMA VISTA”

6 NOVITÀ CHE VORREI NEI GIOCHI POKÈMON

Appassionato da una vita

Inutile dire che la mia generazione, quella composta da chi è nato tra l’inizio e la metà degli anni ’90, è stata la più colpita dal fenomeno Pokèmon fin dal loro debutto. E fin dal loro debutto su Game Boy, io li seguo, li catturo, li alleno, li amo. Non mi sono mai perso una generazione, mai un gioco della saga principale. Sempre sul pezzo, sempre attento a tutte le modifiche e le piccole novità introdotte da Game Freak, sempre sulla breccia dell’entusiasmo ad ogni annuncio di un nuovo titolo.

Continua a leggere “6 NOVITÀ CHE VORREI NEI GIOCHI POKÈMON”

ODE A BIOSHOCK

Un uomo sceglie, uno schiavo obbedisce.

Spesso non siamo noi a scegliere la storia, ma è la storia che sceglie noi. Spesso siamo coinvolti in situazioni, fatti, avvenimenti che semplicemente non ci appartengono, da cui tuttavia non possiamo sfuggire senza un diretto intervento. Spesso in queste situazioni crediamo di avere il completo controllo di noi stessi. Ma in realtà non è così. Non facciamo altro che agire per istinto o per una sensazione di inevitabilità che ci pervade, che ci opprime, come se la nostra stessa azione fosse l’unica scelta che abbiamo. Azione o stasi.

Continua a leggere “ODE A BIOSHOCK”

COSE DA GDR – LA SERATA DEL GIOCATORE

È giovedì sera, un classico giovedì sera in cui mentite alla vostra morosa dicendole “Vado a giocare a calcetto!”, e lei risponde “Ma hai lasciato qua la borsa….e sono spariti i dadi di D&D!!”. Sarà già troppo tardi, perchè voi avrete già chiuso la porta dietro alle vostre spalle e con uno scatto fulmineo degno di Usain Bolt siete già a metà strada per arrivare al vostro ritrovo abituale. Questa è la serata GDR, quelle belle serate d’altri tempi,  con fogli di carta, matita e gomma, un pool di dadi discutibilmente fortunati, una birraccia scadente da 0,99€ al litro, salatini e stuzzichini con data di scadenza sbiadita e penicillina antibiotica compresa nel prezzo, e tanta immaginazione in tasca. Le serate che tutti noi più adoriamo.

Continua a leggere “COSE DA GDR – LA SERATA DEL GIOCATORE”

AL GIOCO DEL TRONO…

…o vinci o muori, giusto no? No, perchè innanzi tutto devi saper giocare. Che non è roba da poco.

Benvenuto nel primo post “vero” del 2019, in cui parleremo di un gioco da tavolo, che per quanto mi riguarda personalmente, potrebbe diventare IL gioco da tavolo, una delle migliori interpretazioni a 360 gradi di quel che io intendo come gioco strategico e gestionale. Oggi parliamo de “Il Trono di Spade: il gioco da tavolo” edito da Fantasy Flight e pubblicato in Italia da Asmodee. Continua a leggere “AL GIOCO DEL TRONO…”

BLOODBORNE, NON QUELLO VERO

Oh, son felice di fare questo post, una recensione speciale, di quella che sembra la nuova tendenza mondiale: i giochi da tavola! Siamo tornati negli anni ’90? Sembra proprio di si caspita, quando i giochi da tavola erano i padroni incontrastati dell’intrattenimento ludico in compagnia. E oggi, grazie al fallimento dei party game e del progressivo ridimensionamento dei giochi online (ne parleremo in un post più avanti), i giochi da tavola son tornati, più cazzuti e fighi che mai. Continua a leggere “BLOODBORNE, NON QUELLO VERO”

PREY, PRIME IMPRESSIONI

È stato un San Valentino ricco di emozioni e di giochi per PS4. Oltre a Persona 5, di cui vi ho già parlato, mi è stato regalato anche Prey, altro titolo che, come il precedente, rischiava di non finire nella mia collezione per gli stessi motivi, ossia il dubbio che il gioco non si rivelasse all’altezza delle mie aspettative. Su Prey ci sarebbe molto poco da dire, perchè potrei riassumere le prime ore di gioco in una frase soltanto. Continua a leggere “PREY, PRIME IMPRESSIONI”