FORTNITE È IL GIOCO DELL’ANNO

Sono assolutamente convinto che se ci fosse una giustizia in questo mondo, il premio di GOTY 2018 dovrebbe andare a Fortnite. Ma purtroppo so che giustizia non ce n’è…

Lo so che è una provocazione bella forte, soprattutto quando a confronto ci sono titoli come RDR2 o God of War. Ma ti invito a smetterla di insultarmi nei commenti per un secondo e a valutare il mio punto di vista.

Fortnite mi fa cagare: è un gioco noioso, trito e ritrito, con 0 innovazione dal punto di vista del gameplay, 0 innovazione dal punto di vista tecnico, nessun tipo di trama. È video-ludicamente il nulla cosmico, eppure lo conosce anche mio nonno.

Già vi sento dire “Eh ma non puoi valutare un gioco solo in base a quante copie vende e quanto è diffuso!! Ci sono altri parametri da valutare!!”. Vero, infatti le software house fanno videogiochi per il piacere dell’arte, mica per trarne un profitto. Andatelo a chiedere alla Rockstar: sicuramente vi diranno che RDR2 non l’hanno fatto perchè è il loro franchise più amato della precedente generazione e sapevano di sfondare una porta aperta. No, l’hanno fatto per mostrare al mondo come incespicano i cavalli su qualsiasi cosa non sia una strada dritta, pianeggiante, senza nemmeno un po’ di ghiaia. Persino GTA V, non l’hanno venduto 3 volte (su PS3, su PC e poi su PS4) per i soldi…no, l’han fatto per dare a tutti la massima qualità audio-visiva sul loro titolo.

Di cosa stiamo parlando? Certo, il successo di un gioco si misura in quante copie vende! Stop. Puoi fare il videogioco più artistico e fantastico della storia, ma se nessuno se lo incula evidentemente non è così bello.

“Eh, ma Fortnite ha avuto tutto questo successo solo perchè è Free-to-play!!”. Notiziona per voi: gli store sono pieni di giochi free-to-play a cui giocano soltanto gli sviluppatori e i loro cugini. Non è solamente per quello che ha avuto tutto questo successo.

Il successo di Fortnite è da ricercare in 3 fattori: è bello da vedere, è il “gioco giusto al momento giusto”, ci gioca chiunque.

Non ha una grafica sopraffina, ma il fatto che sia volutamente cartoonesco lo rende bello, piacevole alla vista e anche scherzoso, segno di un gioco che non si prende troppo sul serio. Troppi simulatori e troppi pochi giochi fatti per il divertimento finiscono per far aver successo a questo genere di prodotti.

È il gioco giusto al momento giusto perchè è uscito quando le battle royale erano già conosciute da tutti ma ancora non era esplosa la mania per questa tipologia di gameplay. Chi è arrivato dopo a Fortnite, ha semplicemente perso il treno. Certo, il fatto che fosse gratuito ha contribuito a fargli superare PlayerUnknown, cosa che probabilmente non sarebbe successa se fosse stato a pagamento.

Ci gioca davvero chiunque: non mi era mai capitato di vedere giocatori di calcio imitare le animazioni di un videogioco per esultare dopo un gol. Non mi era mai capitato di vedere ragazzini cercare di imitare le animazioni di un gioco neanche fossero passi di danza. Fortnite ha saputo oltrepassare i limiti dello schermo, diventando pura cultura pop a 360 gradi.

Sono incazzato anche io,  perchè io odio Fortnite. Non mi piace, ma non posso negargli i meriti che giustamente ha, e in un 2018 in cui le uscite da ricordare si contano sulle dita di una mano dopo che ci fai esplodere dentro un petardo la notte di capodanno, Fortnite merita di essere nominato GOTY. Cosa che non accadrà (per fortuna) poichè non è nemmeno tra i titoli in nomination.

Sono convintissimo che vincerà Red Dead Redemption II, visto che mai si era visto un gioco con quell’impianto tecnico, ma ai punti in questo 2018 il vincitore morale sarà sicuramente Fortnite.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...