HEARTHSTONE: GUIDA AL DECK PERFETTO

Ho sempre adorato i TCG; non ho mai fatto mistero del mio antico amore per MTG, ma non ho mai detto che segretamente gioco anche a Hearthstone, che condivide con i giochi di carte “reali” molti elementi. La cosa fondamentale quando si inizia a giocare, è crearsi un mazzo che sia competitivo nel metagame in cui si va a competere; ovviamente il mazzo perfetto non esiste MAI, tutti i deck hanno punti deboli e lacune. La cosa fondamentale è ridurre al minimo le possibilità che l’avversario possa sfruttare queste piccole finestre di debolezza. Come? Semplicemente conoscendo cosa si vuole dal proprio deck.

Questa guida va bene in realtà per tutti i giochi di carte, perchè più o meno le caratteristiche che andremo ad analizzare oggi sono comuni a moltissimi franchise del TCG.

La prima cosa fondamentale è decidere che tipo di giocatore saremo: esistono vari tipi di mazzo, ognuno con punti di forza e punti deboli. Sta a noi decidere quale categoria ci sia più congeniale:

  • MAZZO AGGRO: i mazzi aggro sono caratterizzati da un’altissimo potenziale offensivo, dato o da un alto numero di creature messe in campo o da un buon numero di magie offensive. Il giocatore aggro deve amare l’attacco spregiudicato e senza troppi ragionamenti; sono spesso i mazzi più immediati e più facili da utilizzare. Spesso e volentieri questi sono mazzi molto “veloci” (vedremo dopo).
  • MAZZO CONTROLLO: i mazzi controllo sono più complessi e richiedono una mentalità quasi perversa. Non si punta a battere l’avversario, almeno non nelle prime fasi, ma a creare le condizioni essenziali per essere praticamente inattaccabili nel late game, quando la nostra strategia sarà ormai messa in campo e ci saranno poche possibilità per l’avversario di uscirne vincitore. Questo tipo di mazzo richiede molta pianificazione e un’estrema pazienza e capacità di incassare colpi per buona parte della partita. Questi sono i mazzi più “lenti”.
  • MAZZO MIDRANGE: questa è la via di mezzo tra le due precedenti. Sono mazzi che risultano molto versatili e particolarmente pericolosi, proprio perchè si adattano facilmente al mazzo che si trovano a dover fronteggiare ed alla sua strategia. Tuttavia per evitare i limiti dei due tipi precedenti, sono costretti a rinunciare anche ai vantaggi principali; risultano quindi complessi da costruire e da usare.
  • MAZZO COMBO: si tratta di un mazzo che performa al meglio quando riesce a far ingranare gli effetti di due o più carte, risultando così molto pericoloso e difficile da sconfiggere. Tuttavia la prevedibilità ed il fattore casualità, rendono questo mazzo abbastanza complesso sia da usare che da costruire.

Spesso non è facile scegliere come iniziare semplicemente in base allo stile di gioco da affrontare. Un altro concetto fondamentale per capire che mazzo vogliamo costruire, è la velocità. Spiego meglio, una partita può suddividersi in 3 fasi principali:

  1. EARLY GAME: fase iniziale della partita, in cui spesso i mazzi molto “veloci” riescono già a fare la differenza e ad incanalare lo scontro su binari a loro favorevoli. Creature piccole e magie che fanno danno sono le protagoniste di questa fase, estremamente congeniale ai mazzi Aggro. Chiudere la partita in early game significa avere a disposizione moltissime carte per fare danno in poco tempo, senza troppi ragionamenti o strategie.
  2. MID GAME: fase intermedia della partita, in cui i mazzi veloci iniziano a perdere l’inerzia, ed è mediamente quando un Aggro tenta di chiudere. Zona ideale di confronto invece per i Midrange e per i Controllo, che iniziano a mettere in azione la propria strategia. Chiudere in questa fase significa aver assunto il giusto controllo della partita nell’early game e aver colpito forte prima che fosse troppo tardi.
  3. LATE GAME: se arrivate in questa fase, spesso è perchè o state per vincere o state per perdere. Il late game è la fase finale dello scontro, quando i mazzi controllo schierano le loro carte finisher in totale controllo del campo di battaglia. Vincere in questa fase significa aver pazientato, aver incassato una buona quantità di danni, ma sempre controllando che tutto andasse secondo i propri piani, per poi colpire duro in modo irreversibile.

Comprendere in che fase di gioco si vuole vincere, determina spesso anche quale tipo di mazzo andare a giocare. Se siete giocatori impazienti e molto “focosi”, puntate su un mazzo aggro, mentre se amate le strategie e avere sempre il controllo della situazione, puntate su un deck controllo.

Determinare quale mazzo fa al caso vostro e sapere quando questo da il suo meglio, è il primo passo per costruire un deck perfetto, ed è sicuramente il più importante.

Ma quali carte vado a mettere nel mio mazzo? Questo dipenderà molto dal metagame in corso, visto che in Hearthstone ci sono aggiornamenti regolari, che impediscono una definizione assoluta di quali siano le carte migliori e quali quelle peggiori. Il miglior modo per costruirsi il primo mazzo, specialmente se siete alle prime armi, è fare riferimento ad un mazzo già costruito trovato su internet. Una volta che avrete capito la sinergia alla base, potrete modificarlo a vostro piacimento per renderlo completamente vostro. Badate bene però che il metagame di Hearthstone, per quanto vario, è molto restrittivo, per cui se vorrete essere realmente competitivi, avrete davvero poche scelte a disposizione.

Spero che questa guida sia stata utile almeno a far capire l’importanza nel definire che tipo di giocatore si vuole essere, e solo successivamente scegliere quale mazzo giocare. Troppo spesso persone impazienti giocano mazzi controllo fortissimi, senza riuscire a valorizzarli al massimo proprio perchè non si adattano alla loro personalità.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...