UN FILM SENZA ASPETTATIVE

Notte tra domenica e lunedì; in Italia viene trasmesso il 52esimo Super Bowl, con il commento di Guido Bagatta. Io, come migliaia di altri malati di mente, seguiamo la partita in diretta. Come spesso accade, gli americani non sapranno garantire cure mediche per tutti, ma sanno come regalare uno show con i fiocchi, e questo Super Bowl lo è stato. Almeno fino all’intervallo, ossia quando il sonno ha preso il sopravvento sulla passione.Andato a dormire tuttavia non sono riuscito a dormire bene, tormentato da un altro tipo di curiosità, non tanto sportiva quanto NERD.Sapevo perfettamente che negli USA era previsto tra le varie pubblicità in programma anche un trailer in particolare che mi interessava: Solo, a Star Wars Story. Mi interessava per svariate ragioni: prima tra tutte, il fatto che se dall’episodio VII in avanti l’hype per i film di Star Wars è sempre stato alto, Rogue One compreso, di questo titolo quasi non se ne è sentito parlare, tanto che nemmeno sapevo che sarebbe uscito a maggio fino ad un mesetto fa; la seconda motivazione era sicuramente capire che tipo di storia c’era da aspettarsi; terza ed ultima, comprendere se la mancanza di hype era voluta o meno. Dopo aver visto il primo trailer breve ed il secondo nel pomeriggio di ieri, posso dirvi quella che è stata la mia impressione.

Rumors affermano già da tempo che la produzione non fosse completamente soddisfatta del film, tanto da tenerlo un po’ in sordina, lasciando l’hype al minimo; dal trailer non si può che confermare questi rumors. Non che il trailer non sia spettacolare, anzi, è assolutamente coinvolgente e d’impatto, ma gli manca qualcosa. Finito di vedere il trailer dell’episodio VII e VIII e di Rogue One, la voglia di fiondarsi al cinema era tanta; qua manca completamente. Non si tratta di una semplice carenza del trailer, non stiamo parlando di un franchise che non sia in grado di attrarre pubblico nè di una produzione, la Disney, priva di esperienza commerciale: è una carenza voluta. Anche la stessa scelta di programmazione del film è curiosa, fissata per fine maggio, molto vicina all’uscita di Infinity War, che sarà un sicuro successo e che sempre un prodotto Disney, una scelta che fa pensare alla volontà di non dare Solo in pasto alla critica senza poterla distrarre con un altro prodotto di sicuro successo. Anche la trama non è ancora stata svelata nemmeno in parte, e il trailer ci da ben pochi suggerimenti a riguardo; si capisce che si tratterà di una sorta di “viaggio” di formazione classico di Han, in cui si comprenderà come è diventato un contrabbandiere, come ha incontrato Chewbe e Lando e chi è stato il suo mentore.

Il personaggio di Han Solo è sempre stato carismatico ed estremamente ben caratterizzato e soprattutto funzionava alla perfezione interpretato da Harrison Ford. Un po’ come non riesco ad immaginarmi Jack Sparrow interpretato da qualcuno che non sia Johnny Depp, così faccio fatica ad immaginare Han interpretato da qualcuno che non sia Harrison Ford. Tuttavia se devo spendere una parola positiva Alden Ehrenreich È Han Solo da giovane, non potevano scegliere attore più somigliante all’Harrison Ford di 30 anni fa.

Ovviamente tutto quanto detto sono mie impressioni, perchè quello a cui abbiamo assistito fino ad ora dal punto di vista commerciale, non è il modus operandi classico a cui Disney ci ha abituato, non solo per Star Wars ma per ogni suo prodotto. Il sospetto che ci sia qualcosa di profondamente sbagliato o almeno che ci sia stata una qualche difficoltà nella produzione del film, è fortissimo.

Non credo assolutamente a chi dice che sarà un flop, considerando di che tipo di prodotto stiamo parlando, tuttavia credo che ripetere il successo ottenuto da Rogue One sarà praticamente impossibile. Tante aspettative sono sempre difficili da rispettare: la mia previsione è che sarà un film godibile, senza alti e bassi, uno di quelli che guardi una volta e poi te ne dimentichi. E questo purtroppo, se dal punto di vista cinematografico non è un cattivo risultato, per un film che porta nel suo titolo il brand Star Wars, sarebbe un fallimento.

Ne riparleremo il 24 maggio, perchè sarei la persona più felice della terra se, andando al cinema, scoprissi che tutti i nostri dubbi non sono stati altro che puro e semplice marketing e che il film in realtà è una bomba. Davvero, la mia speranza è fortissima.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...