STAR WARS – GLI ULTIMI JEDI – RECENSIONE [SPOILER FREE]

Porca puttana. Questa recensione è la più difficile che abbia mai fatto: diventa complesso parlare in modo più o meno oggettivo quando vedi un film come Gli Ultimi Jedi, soprattutto se le tue aspettative erano molto alte, e ne abbiamo già parlato ieri in questo post che ti invito a leggere prima della recensione. 

Sicuramente l’episodio VIII della saga di Star Wars passerà alla storia come uno dei più controversi, almeno per quanto mi riguarda. Tutto mi sarei aspettato, tranne questo tipo di film; non parlo solo della trama, ma anche del comparto registico e dello stile che è stato adottato. Hanno ascoltato il mio consiglio (?!?!?) ed hanno dato a questo film un’anima, quella che mancava dall’episodio VII e che invece era terribilmente presente in Rogue One. Effettivamente è un titolo che si avvicina più allo spin-off dello scorso anno della serie piuttosto che alla saga canonica, e che, purtroppo, declassa ampiamente il lavoro fatto da J.J. Abrams due anni orsono. Se Il Risveglio della Forza era una sorta di fan film con ampi spunti presi dell’episodio IV, Gli Ultimi Jedi è il film più lontano da quello che un fan della serie potesse aspettarsi. E questo non è un male, anzi: se con Il Risveglio della Forza la sensazione generale era che Abrams non avesse voluto rischiare nulla, per evitare una sonora figuraccia, finendo tuttavia per deludere una grossa fetta di appassionati e lasciare un’altra fetta con un “MEH” stampato in viso, Rian Johnson ha rischiato tantissimo, ed ha avuto successo.

Il film vi tiene incollati per 2 ore e mezza sulla poltroncina, tra scene d’azione mozzafiato (in particolare una me la sono sognata tutta la notte…WOW!), colpi di scena ed una storia che risulta avvincente dall’inizio alla fine. Non ci sono punti morti, non ci sono scene che “potevano essere tagliate”, non ci sono riferimenti così marcati ed evidenti ad altri film della saga. Si vede tuttavia lo zampino della Disney, che ha reso il film più “leggero” con momenti gag davvero azzeccati, mai fuori contesto o forzati. La pellicola non perde comunque l’aura di epicità che un film di Star Wars dovrebbe avere.

Le mie attese sono state tutte rispettate: i personaggi hanno ricevuto l’approfondimento caratteriale che mi aspettavo, il ritmo del film è cambiato drasticamente rispetto all’episodio VII e così anche il contenuto è diventato più ricco e succulento.

Mamma mia sto sudando per evitare di fare spoiler…vi assicuro che non è facile. C’è tanto di cui parlare a proposito della storia, tanto su cui fare congetture ed ipotesi, tanto su cui discutere…ma non si può per ora.

Parlando dal punto di vista della recitazione, non c’è molto da dire: il cast è composto da stelle di Hollywood e si vede perfettamente. Carrie Fisher, a cui il film è giustamente dedicato, che ne Il Risveglio della Forza era a mio parere impresentabile, in questo film ha fatto l’interpretazione della vita, migliore anche delle prestazioni della saga classica. Adam Driver è semplicemente WOW! Cioè, è brutto come la morte, però è entrato talmente tanto nel personaggio che gli sarà difficile uscirne. Mark Hamill eccezionale, John Boyega perfetto per il ruolo, Oscar Isaac è forse il migliore dietro a Carrie Fisher, Domhnall Gleeson sembra nato per essere il generale Hux. L’unica che non mi ha convinto è proprio Daisy Ridley, come d’altronde mi convince sempre poco il personaggio di Rey, ma probabilmente è una mia personale sensazione.

Stiamo parlando di un film perfetto? No, stiamo parlando di un film d’intrattenimento davvero ben riuscito, un capolavoro nel genere e sicuramente, al pari de L’impero colpisce ancora, uno dei titoli della saga complessivamente migliori, sotto ogni punto di vista. Anzi, se devo sbilanciarmi, questo film potrebbe diventare il più bello della saga…però ora è l’emozione che parla. Dopo una visione a mente fredda saprò giudicare meglio. Il fatto che però questo Star Wars mi abbia preso alla sprovvista in positivo sotto tutti i punti di vista è un ottimo segno, un segno che non lascia che belle prospettive su un franchise spettacolare, che ha saputo negli anni far innamorare almeno 3 generazioni con le sue storie, le sue battaglie e i suoi intrighi.

Andate a vederlo, merita non solo il prezzo del biglietto, ma anche quello dei pop-corn, della Pepsi e di un’eventuale cena fuori. Quando si va a vedere un film del genere, qualsiasi cifra è giustificata.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...