E LA SAGA CONTINUA

Facciamo un salto indietro di dieci anni: è il 2007 e quando qualcuno parla di Marvel, la prima cosa che viene in mente, cinematograficamente parlando, è la terrificante trilogia di SpiderMan. Abbastanza irrispettoso nei confronti della grande casa fumettistica americana che ha dato vita a supereroi amati da lettori di tutto il mondo. Eppure la concezione generale dell’opinione pubblica riguardo a Marvel è abbastanza incerta. Molti non conoscono questo nome ed i pochi che lo conoscono sono appassionati appunto dei fumetti dell’omonima azienda.

Ritorniamo ai giorni nostri: nomini Marvel e chiunque, dal ragazzino di 12 anni al pensionato di 70, ha visto almeno un film dei Marvel Studios o almeno ne ha sentito parlare. Cos’è cambiato in 10 anni? Nell’universo Marvel tutto, nel mondo del cinema, anche. Dopo il primo Ironman con Robert Downey Jr., Marvel ha avviato un filone di successi al botteghino impressionanti, aiutati certamente da attori di livello eccezionale e da un investimento economico nel progetto cinematografico dell’universo condiviso impressionante, investimento che si è rafforzato ulteriormente a seguito dell’acquisizione da parte della Disney del gruppo. La capacità commerciale di Disney ha reso il brand Marvel un fenomeno mondiale, rafforzando non solo il settore film ma soprattutto quello del merchandising, vera linfa vitale del progetto.

Ad oggi Marvel ha sfornato dei veri e propri capolavori dell’intrattenimento cinematografico, rivoluzionando e ridefinendo l’intero concetto stesso di film d’intrattenimento. Il progetto alla base è stato così chiaro e solido che attualmente, nonostante tanti altri franchise abbiano tentato la strada dell’universo condiviso, quello di Marvel l’unico riuscito davvero bene.

Se penso a film come il primo Avengers, come Capitan America: The Winter Soldier, e come I guardiani della galassia non posso non emozionarmi; lo so, sono filmetti da sabato sera con gli amici, non stiamo parlando di capolavori cinematografici, ma sono obbiettivamente dei bei film, che sanno intrattenere anche per più di 2 ore, leggeri, mai banali, recitati bene e registicamente ottimi…cosa dovremmo chiedere di più? Che all’interno vengano discusse grosse tematiche sociali ed etiche? In parte è così, alcuni film hanno all’interno spunti di riflessione molto interessanti.

Questo lungo preambolo l’ho scritto per parlare dell’ultimo film che Marvel ha messo sul tavolo: Avengers Infinity War.

Partiamo dal presupposto che, per quanto mi riguarda, credo che ormai i film vengano girati per giustificare la creazione dei trailer, e questo ne è un esempio classico. Già dalla presentazione, non si può non avere la pelle d’oca, specialmente quando Thor chiede a Quill e compagni “Chi Diavolo siete?”. Impossibile non avere l’hype alle stelle. IMPOSSIBILE. Il fatto è proprio questo, negli ultimi 10 anni tutti i film Marvel sono serviti solamente da introduzione, da prologo a questo Infinity War; ogni personaggio ha la sua caratterizzazione, ha i suoi demoni e i suoi punti di forza, e tutti noi ci siamo affezionati ad uno piuttosto che all’altro, tutti ci siamo, consapevolmente o meno, schierati durante Civil War. Infinity War sarà una sorta di conclusione di questo ciclo, un ciclo che ha visto la creazione di un ambiente ottimale per far comprendere tutte le ragioni che hanno portato allo scontro “finale” tra Thanos e gli Avengers, il perchè gli Avengers sono tra di loro così divisi ideologicamente e anche il perchè, finito il film, succederà quel che succederà.

Infinity War sarà la fine del ciclo di film Marvel? Attualmente non sappiamo quali siano i progetti a lungo termine, visto che di confermati ci sono titoli fino al secondo capitolo di Infinity War, in uscita a metà del 2019. Ci dobbiamo aspettare uno stop alle riprese?

Sicuramente da un certo punto di vista questa ipotesi non sarebbe da scartare del tutto, anzi, sarebbe quasi auspicabile. Diventa difficile mantenere alto il livello di una saga (perchè alla fine di questo si parla) così lunga e per così tanto tempo; è la prima volta nella storia del cinema che viene creato qualcosa di simile, un vero e proprio mondo parallelo in cui accade tutto in contemporanea ed ogni tassello della storia di un personaggio va ad incastrarsi nella storia degli protagonisti. Il fatto che per 10 anni lo standard sia stato così alto, non fa che rendere ancora più difficile il lavoro in futuro. In più diciamo anche un’altra cosa: ogni ciclo deve avere un inizio ed una fine, e per quanto sia difficile comprendere quando sia il momento giusto di dire “BASTA”, a volte è meglio fare qualcosa in meno e chiudere in bellezza che continuare imperterriti e finire in malo modo un progetto realizzato fin li magistralmente.

Staremo a vedere quali sono i progetti di Marvel Studios e soprattutto di Disney, che sembra più interessata a creare un universo simile a quello di Marvel con la saga di Star Wars, piuttosto che investire ulteriore tempo e soprattutto denaro nella continuazione di una saga che è già stata ampiamente remunerativa.

Quale sarà il futuro degli Avengers dopo la battaglia finale? Paradossalmente, deciderà Topolino.

 

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...